sabato 21 settembre 2013

 

primo intervento artistico del progetto "Meano - Borgo dei creativi"

 

L'Associazione Culturale Quartiere 3 ha indetto, per l'azione del primo anno, un bando su invito volto alla realizzazione di un progetto tra quelli presentati da 6 artisti selezionati in base alla valutazione di un vasto corollario di esperienze, professionalità e stili.

L'opera selezionata per il primo intervento artistico è "Vertebre" dell'artista Brunivo Buttarelli.

 

"Frammenti vitali di un immaginario animale, giunti a noi in affioramento da un lontano passato,

si propongono in un processo di NASCITA-VITA-MORTE-RINASCITA.

Metafora di Meano, borgo dimenticato che ritorna a nuova vita."

 

SCHIZZI DI PROGETTO

schizzi di progetto - piantaschizzi di progetto - prospetto

 

 

L’Uomo delle Ossa

 

Si narra in molte tribù e in molte leggende rurali, dal Nuovo Messico all’Ungheria, che vi sono uomini, donne soprattutto, raccoglitori di ossa. Attraverso il canto profondo dell’anima e la saggezza che nasce dalla terra, dai temporali, dalle stagioni e dai cicli dei raccolti, spargono il soffio vitale sugli scheletri ricomposti dove germina carne, dove saettano tendini, rispuntano pelle e peli, finché queste creature, di nuovo vive, corrono libere e gioiose verso l’orizzonte.

 

in affioramento - Brunivo ButtarelliTali storie, la cui origine si perde nello spazio e nel tempo e di cui si nutre il nostro immaginario collettivo, ci ricordano che le ossa sono il germe della rinascita, non sterile polvere, consunzione o simbolo di morte.

Vertebre, l’opera di Brunivo Buttarelli, un postmoderno Uomo delle Ossa, emana proprio questa ruralità universale e ancestrale. I tre immensi frammenti d’ossa, realizzati in ferro ossidato e marmo sono posati a Meano, borgo di campagna salvato dall’abbandono. L’opera dello scultore non è un recupero nostalgico di un passato perduto, ma vuole mettere in luce uno degli aspetti più felici del nostro presente e futuro, ovvero l’aver necessariamente conservato un cuore, il nocciolo antico, la memoria archetipica. Questi megaliti contemporanei sono l’essenza attorno a cui tutto si costruirà e rinascerà, grazie al canto creativo degli artisti che popoleranno il luogo.

 

Taurus in terra - Brunivo ButtarelliI dettagli anatomici realizzati con rigore si ingigantiscono e divengono un’architettura paleontologica. Il senso di sacralità che li pervade e si proietta attorno alla loro ombra esprime la poetica di Buttarelli: il soprannaturale è insito nel creato, si diffonde dalle cose e dagli esseri, anziché essere calato

su di essi dal dogma umano. L’artista vuole recuperare il sentimento dello stupore, della piccolezza delle nostre culture e persone di fronte ai misteri della Natura. L’approccio conoscitivo corretto è quello dell’osservazione attonita di ciò che ci sovrasta, dell’empatia, del rispetto per la Madre Terra che ci nutre e ci dà la vita. Per questo motivo l’Arte assume il ruolo che le spetta come disciplina umana, sorpassando la scienza e le sue curiosità morbose, i suoi affanni e vani tentativi di vivisezionare ogni cosa.


L’Arte, l’emozione, il sentire dell’anima sono le vere forme di Conoscenza. Mentre la scienza tende a divenire arido, vacuo e rigido assioma, alimentandosi di se stessa e perdendo di vista prospettive e orizzonti, l’Arte emancipa le menti e gli spiriti, attinge alla fonte della creatività e della poesia, librandosi nel tempo e nelle civiltà. Buttarelli indica a Meano la via per un Sapere in cui sia l’istinto a orientare la ragione. E la libertà. Una libertà sensibile e attenta che nasce dal sentirsi parte del Tutto.

 

Si narrerà, in molte tribù e in molte leggende rurali, dal Nuovo Messico all’Ungheria, di un trittico di vertebre, affiorate dalla terra della pianura. Si narrerà di un Uomo delle Ossa capace di studiare l’anatomia della terra e la geologia dei viventi. Lui porterà un soffio vitale alla materia inerte e cristallizzerà in un’eternità fossile la materia vivente, assemblerà lamiere ossidate e viscere di montagne rendendo le Ossa monumento. Il ciclo della vita – morte – vita continua a compiersi, inesorabile, serenamente, senza lacerazioni.

 

Natalia Vecchia

 

Realizzazione dell'opera:

costruzione_00.jpgcostruzione_001.jpgcostruzione_01.jpgcostruzione_02.jpgcostruzione_04.jpgcostruzione_05.jpgcostruzione_06.jpgcostruzione_07.jpgcostruzione_08.jpgcostruzione_09.jpgcostruzione_11.jpgcostruzione_12.jpgcostruzione_13.jpgcostruzione_15.jpgcostruzione_16.jpg

 

Posizionamento:

montaggio_01.jpgmontaggio_02.jpgmontaggio_03.jpg

 

Inaugurazione

003.jpg006.jpg242.jpg312.jpg315.jpg310.jpg

 

 

un progetto di:
Comune di Corzano
Associazione Culturale Quartiere 3
Associazione delle Terre Basse

con il contributo di
Fondazione Cariplo

 

Using this site you agree that we and our partners can set cookies to personalize content according to our Cookie Policy