Meano Borgo dei creativi - Bando 2016

BANDO DI CONCORSO PER OPERA D’ARTE PUBBLICA.
SELEZIONE, ESECUZIONE, ACQUISTO E POSA DI UN’OPERA D’ARTE DA COLLOCARE A MEANO IN AREA DI PERTINENZA DEL COMUNE DI CORZANO (BS).

 

Art. 1:

Oggetto del concorso

L’associazione Culturale Quartiere 3, in collaborazione con il Comune di Corzano e l’associazione Terre Basse, con il contributo della Fondazione Cariplo, bandisce un concorso per artisti, per la scelta, ’esecuzione, l’acquisto e la posa di un’opera d’arte destinata ad essere collocata nella frazione di Meano (Comune di Corzano BS), specificatamente nei pressi dell’Entrata Est verso via Bargnano.

L’opera prevede la realizzazione del Terzo intervento artistico di ‘Passaggi Tracce d’Arte Contemporanea’ che è parte del più ampio progetto ‘Meano: Borgo dei Creativi’.

Il compenso complessivo disponibile è stabilito nell’importo massimo di € 12.000 (euro dodicimila) oltre eventuali oneri di legge dovuti (IVA, rivalsa previdenziale, etc.) che dovranno essere evidenziati nella proposta.

L'artista prescelto parteciperà ad una mostra collettiva che lo vedrà protagonista unitamente ai due artisti precedentemente selezionati nel corso dei precedenti eventi 2013 (Brunivo Buttarelli) e 2014 (Duilio Forte) di "Passaggi, Tracce d'Arte Contemporanea"

Brunivo Buttarelli   Duilio Forte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La mostra si svolgerà nei mesi di maggio e giugno 2016 in concomitanza con l'inaugurazione della terza opera prescelta

 

Art. 2:

Contesto del Progetto di ‘Meano: borgo dei creativi’

Il Borgo di Meano è una piccola frazione del Comune di Corzano (BS), paesino della bassa bresciana nei pressi della più nota cittadina di Orzinuovi. Si tratta di un piccolo agglomerato urbano sorto intorno all'antico Castello-Palazzo edificato dalla famiglia Avogadro sul finire del secolo XV e formato da una serie di cascinali di servizio posti in continuo dialogo con l'importante sistema idrico delle rogge e dei fontanili. Nei primi anni del '900 il borgo ha la sua massima espansione, arrivando a contare 400 abitanti. Poi, dal secondo dopoguerra, il passaggio da un'economia agricola ad una industriale e la mancanza di servizi commerciali porta ad un progressivo abbandono del borgo tanto che oggi ha raggiunto la quota record (in negativo) di 84 abitanti e sembra destinato al completo abbandono.

Il Comune di Corzano è riuscito a preservare gran parte del proprio territorio ed è oggi il paese con la più alta percentuale di spazi verdi nell'intera provincia bresciana (90.3%). All'interno di questo paesaggio agricolo trova posto il borgo, che per la grande unitarietà del costruito possiamo considerare in toto come un bene artistico: uno straordinario esempio di gioiello urbanistico medioevale della bassa padana.

 

Art. 3:

Nascita del Progetto

Nel 2009 il Comune di Corzano si vede recapitare una richiesta di concessione edilizia per l'edificazione di 30 appartamenti nella frazione di Meano. La richiesta appare alquanto bizzarra in quanto una volta realizzata ed occupata triplicherebbe la popolazione attuale. La sventurata ipotesi viene quindi immediatamente bloccata ma costituisce un importante input per realizzare riflessioni sul futuro della piccola frazione. Il primo importante atto è stato quello di inserire all'interno del PGT il blocco totale a nuove costruzioni esterne agli attuali confini del borgo e il conseguente limite posto al consumo di suolo. Ciò permette di fissare una dimensione del borgo e della comunità che lo abita nell'ottica di un nucleo il più possibile autonomo, protetto e ad alta qualità di vita.

 

ll ripopolamento sarà possibile solo tramite un progetto che integri gli spazi residenziali con spazi lavorativi e alterni alla conservazione del patrimonio la realizzazione di nuovi edifici funzionali alle nuove necessità.

Un progetto che sia in grado di sfruttare le risorse presenti sul territorio mettendole a sistema e consentendo uno sviluppo sostenibile e l'innescarsi di pratiche economicamente virtuose.

L'obbiettivo finale non è però quello della conservazione del territorio, dell'impianto urbano o degli edifici ma quello più complesso e affascinante della creazione di una nuova comunità attiva e propositiva.

Il progetto intende concepire il cambiamento come un'opportunità e non come una minaccia. Le risorse da noi scelte per mettere in atto il cambiamento corrispondono a saperi antichi e sedimentati nella tradizione locale che andrebbero però rivitalizzati intervenendo con creatività e originalità che si identificano nell'Arte, l'Artigianato e l'Agricoltura.

 

Art. 4:

Il progetto ‘Meano: Borgo dei Creativi’

A partire da queste considerazioni nasce il progetto “Meano, Borgo dei Creativi” voluto dall'amministrazione comunale di Corzano in collaborazione con l'associazione di Comuni “Terre Basse” e l'Associazione Culturale Quartiere 3.

Tale proposta ha ricevuto il benestare da Fondazione Cariplo attraverso la vincita di un bando triennale.

Il progetto prevede una serie di azioni finalizzate alla creazione di una comunità attiva e vitale nel piccolo centro, una comunità in grado di rapportarsi con le caratteristiche naturali e culturali del luogo e al contempo proporre un modello di futuro possibile.

Le azioni previste sono quelle della messa in funzione di spazi comunitari attraverso il recupero e riutilizzo del vecchio Asilo E.M.A. Bozzi e della Sala delle armi del Palazzo Avogadro: ambiti storici con un fortissimo valore identitario per la comunità che, a causa del cambiamento della comunità stessa, modificano le loro caratteristiche per adattarsi alla contemporaneità innovando contenuti culturali antichi.

Una seconda serie di interventi sarà invece dedicata alla realizzazione di residenze-atelier sul modello

storico delle case-bottega, in cui creativi di ogni genere (artisti, artigiani, ma anche esperti dei nuovi media...) potranno risiedere e lavorare partecipando attivamente alla vita culturale della comunità in-divenire.

La creatività sarà inoltre stimolata da un lato dalla tranquillità garantita agli utenti del borgo e dall'altro dalla possibilità di partecipare alle numerose iniziative che animeranno il paese.

Il progetto si pone come obbiettivo anche quello di attrarre il grande pubblico per i propri eventi ed i singoli artisti su scala globale tramite la formula del residence per creativi.

La capacità di creare esperienze e reti sociali è ora un fattore di competitività. Meano punta a diventare un borgo fonte di rinnovamento dell'immagine della bassa bresciana, di innovazione in materia di prodotti e di servizi, una realtà economica sostenibile a emissioni zero e un luogo aperto al dialogo intergenerazionale e interculturale caratterizzato da un'alta qualità della vita.

Questa caratteristica si collega alla necessità della riscoperta di un rapporto forte con la natura e con le risorse, legando il ripopolamento di Meano ad una storia antica, e prettamente italica, di simbiosi tra il fenomeno urbano ed il territorio circostante.

Il rapporto tra natura e comunità è centrale ed implica un saggio sfruttamento delle risorse che in quanto limitate devono essere curate dall'intera comunità.

 

Art. 5:

L'azione di progetto: “Passaggi, tracce d’arte contemporanea”

Il contributo dell'Associazione Culturale Quartiere 3 al progetto per la realizzazione del 'Borgo dei Creativi' è quello di valorizzare, con interventi artistici contemporanei permanenti, aree specifiche di Meano.

Le aree d'intervento in cui l’associazione intende realizzare le opere permanenti sono coincidenti con gli ingressi al borgo.

L’opera dovrà essere realizzata in prossimità del terzo ingresso al borgo in uno spazio contiguo alla nuova pista ciclabile per Bargnano. L’area a disposizione dell’artista è di circa 30mq (rif. Planimetria area di progetto).

L’obiettivo principale di questo progetto è quello di creare un museo a cielo aperto o, meglio, rendere un luogo storico e naturalistico un’esposizione d’arte contemporanea permanente.

I ‘Passaggi’ sono da intendersi come spazi di visione-transizione, di entrata-uscita dal paese e vorranno essere i simboli del progetto di riqualificazione del Borgo.

Le “tracce d’arte contemporanea” segnaleranno al passante, anche casuale, la presenza del Borgo dei Creativi e lo invoglieranno a saperne di più su quanto si sta realizzando. Inoltre, il passaggio attraverso un luogo d’arte porterà il visitatore ad immergersi immediatamente in un contesto “altro” rispetto a ciò a cui è abituato e lo indurrà ad essere più attento e curioso rispetto a ciò che lo attenderà nel percorso attraverso il borgo. In questo modo Quartiere 3 si propone di riportare l’accento su quella che è ed è sempre stata la forza e il senso di qualsiasi espressione d’arte: la comunicazione; poggiando le fondamenta su un substrato culturale che viene dal passato e dal confronto interculturale, allo scopo di interpretare il presente. Le aree menzionate verranno valorizzate non solo perché diventeranno il teatro di costruzione di opere d’arte permanenti che, pertanto, entreranno a far parte della geografia e dell’architettura del paesaggio, ma anche perché saranno considerate anche nei loro significati simbolici. La costruzione reale delle opere d’arte sottenderà una costruzione teorica volta ad amplificare e a proiettare in un contesto internazionale e attuale il significato specifico, storico e sociale di ogni area.

 

Art. 6: Tema

L’obiettivo principale di questo progetto è quello di creare un museo a cielo aperto o, meglio, rendere un luogo storico e naturalistico anche un’esposizione d’arte contemporanea permanente.

Il tema deve trovare ispirazione dagli elementi cardine del progetto ‘Meano: Borgo dei Creativi’.

 

Art. 7:

Requisiti e condizioni di partecipazione

La partecipazione alla selezione del bando è gratuita ed aperta a tutti gli artisti.

Possono partecipare artisti di ogni nazionalità individualmente o in gruppo, aventi un’età superiore ai 18 anni. Ogni artista, o gruppo, è invitato a partecipare con un solo progetto mai esposto in precedenza. L’iscrizione alla selezione avviene attraverso la compilazione del MODULO DI PARTECIPAZIONE.

Si richiede che ogni artista presenti un progetto per un’opera d’arte permanente da realizzarsi nello spazio individuato presso l’entrata EST del borgo. (Vedi ART. 9)

Ogni artista è libero di usare qualsiasi materiale e ogni tipo di espressione artistica.

Sarà motivo di preferenza in fase di valutazione la scarsa deteriorabilità, la resistenza dei materiali e delle soluzioni adottate agli agenti atmosferici nonchè l'assenza di pericoli per chiunque graviti nei pressi dell'opera.

È previsto un impianto elettrico di base per l'illuminazione dell'opera e la possibilità di un allaccio idrico. Nel caso l'opera dovesse prevedere impianti complessi si è pregati di specificarlo e di inserire il preventivo della realizzazione nel budget complessivo.

 

Si richiedono:

•     Elaborati grafici, fotografici o video atti alla buona comprensione del progetto.

•     Preventivo diviso per costi di:

mano d’opera / compenso per l’artista

materiali

trasporti

posa in opera

altre prestazioni di terzi (specificare)

vitto e alloggio durante l’allestimento (se necessari)

•     Scheda tecnica comprensiva di:

tecniche, materiali, dimensioni

posizionamento

richieste tecniche per la posa in opera (fondamenta, ancoraggi..)

tempi di realizzazione e di posa in opera

 

Si richiede che i lavori di allestimento vengano svolti a regola d’arte e, se ritenuto necessario, di fornire:

•     progetto strutturale firmato da professionista in caso di ancoraggi e allestimenti complessi;

•     autocertificazione della corretta applicazione della normativa vigente in materia di sicurezza sul lavoro nelle fasi di allestimento (D.L.G.S. 81/08);

•     certificato di conformità dell’impianto (D.M. 37/08 e ss. mm.) in caso di opere complesse con energia elettrica.

 

Ad invio avvenuto non sarà possibile apportare alcuna modifica alla propria presentazione, né caricare nuovo materiale o sostituire quello già caricato, si prega quindi di prestare la massima attenzione durante la procedura di invio della domanda.

 

Art. 8: Scadenze

Tutti i progetti dovranno essere inviati in formato digitale entro e non oltre il 20 febbraio 2016 alle ore 12.00 (ora locale).

Per coloro che non intendessero inviare la richiesta di partecipazione in formato digitale, ma di avvalersi di supporti fisici, la consegna dei medesimi dovrà avvenire presso il Protocollo del Comune di Corzano entro e non oltre le ore 12 del 05/01/2016

I progetti pervenuti oltre la scadenza non saranno accettati.

L’esito della selezione verrà pubblicato sul sito e comunicato tramite e-mail entro il 15/03/2016. L'opera selezionata dovrà essere realizzata e posata entro il 20 maggio 2016.

 

Art. 9:

Documentazione fornita

 

•     Localizzazione

Meano_Italy
Meano_Lombardia

 

•     Planimetria area di progetto

•     Fotografie

-Stato di progetto

-Stato attuale

 

 



Le tavole tecniche degli spazi soggetti all’intervento e la planimetria generale del borgo sono scaricabili a questo link.

 

Art. 10:

Diritti di Utilizzo

Una volta installata l’opera selezionata diventerà proprietà materiale del Comune di Corzano.

Si riconosce all’organizzazione la facoltà e il diritto di utilizzare il progetto selezionato per qualunque iniziativa di promozione e comunicazione, nonché il diritto non esclusivo di pubblicarlo, anche sotto forma di manifesto o locandina, nei materiali pubblicitari della manifestazione o di altre del progetto “Borgo dei Creativi” senza necessità di ulteriore autorizzazione e preavviso e senza corrispondere alcun compenso all’autore. Inoltre il materiale selezionato potrà essere utilizzato dall’organizzazione in pubblicazioni, mostre, striscioni, locandine, eccetera, anche via Internet, per promuovere l’azione e le attività culturali del progetto Meano.

I progetti non selezionati rimarranno proprietà intellettuale di ogni artista.

L’autore garantisce che il materiale creativo sottoposto alla selezione è originale, pienamente disponibile e tale da non dar luogo da parte di terzi a fondate contestazioni per pubblicità ingannevole, plagio, imitazioni o contraffazioni, consapevoli del danno che potrebbe derivare, in caso di dichiarazioni mendaci, ai promotori del progetto a seguito della pubblicazione dell’opera e in tutte le eventuali ulteriori utilizzazioni. L’artista selezionato solleva inoltre gli organizzatori da ogni rivendicazione avanzata da terzi in ordine all’utilizzazione dell’opera, oltre che da ogni pretesa per eventuali violazioni della normativa vigente in materia di proprietà intellettuale e di diritto d’autore, di cui l’autore si assume sin d’ora ogni responsabilità.

 

Art. 11:

Esclusione ed incompatibilità

Non possono partecipare al concorso:

• i componenti la Commissione giudicatrice;

• coloro i quali, a qualsiasi titolo, abbiano preso parte o contribuito in qualsiasi modo alla stesura del bando e della documentazione ad esso allegata;

• coloro che non siano in possesso dei requisiti richiesti e non rispettino le condizioni stabilite dal presente bando;

• coloro che trasmettano in modo errato o incompleto la documentazione richiesta.

 

Si ricorda  a coloro che si iscrivono che, se non riceveranno il messaggio "ISCRIZIONE AVVENUTA CON SUCCESSO", sarà segno che l'iscrizione non è andata a buon fine. In tal caso si prega, pertanto, di riprovare ponendo attenzione alle limitazioni riguardanti le dimensioni ed il formato dei files oltre ad aver compilato correttamente tutti i campi obbligatori (contrassegnati con*)

 

Art. 12: Segreteria

Gli interessati potranno, prima della scadenza del concorso, richiedere informazioni e dati tecnici all’indirizzo e-mail: info@quartiere3.org.

Per chi volesse è possibile fare sopralluoghi in autonomia.

 

Art. 13: Commissione

Le domande verranno esaminate e giudicate da una Commissione che sarà formata dal Direttivo dell’Associazione Culturale Quartiere 3.

I criteri di giudizio e di scelta della Commissione Giudicatrice, prenderanno in considerazione vari criteri, tra i quali:

 corrispondenza dell'opera ai contenuti del tema;

 elementi artistici e tecnici delle opere realizzate, progettate e/o proposte;

 eventuale comparazione curriculare che attesti la riconoscibilità dell'artista nel panorama nazionale ed internazionale attraverso la presenza a mostre e/o su pubblicazioni specialistiche.

 

Il giudizio della Commissione è da considerarsi, in qualsiasi caso, insindacabile.

 

Art. 14:

Comunicazione stampa e documentazione dell’evento

L’Associazione Culturale Quartiere 3 si impegna a divulgare l’evento di presentazione dell’opera attraverso la stampa, i mezzi di comunicazione in rete e con il supporto cartaceo di locandine e inviti

 

Al termine dell’istallazione delle opere selezionate e della mostra, verrà realizzata una pubblicazione editoriale.

  

Art. 15: Note Legali

I dati dei partecipanti alla selezione saranno utilizzati ai fini della manifestazione e verranno inseriti nella mailing list di "Quartiere 3" al fine di consentire un aggiornamento circa gli eventi ed i futuri bandi promossi dall’Associazione.

Il candidato, con la sua partecipazione, autorizza implicitamente ed espressamente "Quartiere 3" a trattare i dati personali dell’artista partecipante ai sensi dell’art. 10 della legge 675/96 (Legge sulla Privacy) e successive modifiche D.lgs 196/2003 (Codice Privacy). Con la partecipazione al bando si accetta integralmente il regolamento.

 

Compila il modulo di partecipazione a questo LINK

 

Scarica il regolamento in pdf da questo LINK

 

un progetto di:
Comune di Corzano
Associazione Culturale Quartiere 3
Associazione delle Terre Basse

con il contributo di
Fondazione Cariplo

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Utilizzando questo sito, accetti che noi e i nostri partner si possa impostare dei cookie per personalizzare i contenuti come da nostra Cookie Policy